Centinaia di uccelli, un solo uccello…

storni_MAU4512

 

Un stormo di storni danzano ipnotico balletto.

Centinaia di uccelli si muovono come fossero un solo corpo: lo scopo di queste evoluzioni è quello di intimidire e disorientare i loro predatori, puntando sulla forza del numero e sul gioco di luci e ombre dei continui cambi di movimento.

Come racconta Borges:

Il remoto re degli uccelli, il Simurg, lascia cadere nel centro della Cina una piuma splendida. Gli uccelli, stanchi della loro antica anarchia, decidono di intraprenderne la ricerca. Sanno che il nome del loro re vuol dire trenta uccelli; sanno che la sua reggia è nel Kaf, la montagna circolare che circonda la terra. Si lanciano nella quasi infinita avventura; superano sette valli, o mari; il nome del penultimo è Vertigine; l’ultimo si chiama Annichilamento. Molti dei pellegrini disertano; altri periscono. Trenta, purificati dalle fatiche durate, giungono alla montagna del Simurg. La contemplano alfine: s’accorgono che essi stessi sono il Simurg, e che il Simurg è ciascuno di loro.

simurg

“Tutto, nel cielo intellegibile, è in ogni parte. Ogni cosa è tutte le cose.

Il sole è tutte le stelle, e ogni stella è tutte le stelle e il sole”.

Alla fine tutti ci siamo uno.

 

Centinaia di uccelli, un solo uccello…ultima modifica: 2015-03-24T21:31:50+00:00da nunziartina
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “Centinaia di uccelli, un solo uccello…

  1. Essere tutto e parte del tutto sta al diventare scoprendo di essere ciò che desidereresti vedere in altri. Straordinaria esistenza e principale attività di approfondimento per trovare l’ultimo ed il vero oltre il quale nulla è permesso perché non è reperibile, oltre il quale non c’è spazio di esistenza.
    L’immagine del Simurg che è uno e composto da più di uno verrebbe da dire che è uno solo perché è composto da tanti, questa è una delle ipotesi possibili ma di base è davvero profonda la scoperta di sé in qualcosa che mai avresti creduto essere possibile che fosse.

    Argomento decisamente significativo

    Buon fine settimana Nunzia
    Amica di cui si vede il cuore!

    Uomo

  2. ciao dolcissima amica
    Come vorrei volare per raggiungerti e abbracciarti,
    passeggiare e condividere emozioni e pensieri
    nel silenzio dell’infinito che ci unisce e ci sovrasta.!
    Anche se sei sempre vicina a me in comunione di spirito,
    potrei sentire il calore del tuo cuore, ristorarmi nel tuo sorriso,
    gioire con la luce dei tuoi occhi, riempirmi l’animo con la tua
    generosa bontà, assaporare attimo per attimo l’intensità della tua delicata
    e gentile anima.
    Mia cara sei un dono immenso,
    La tua amicizia è un tesoro prezioso
    che mi illumina le giornate.
    Non ci sentiamo spesso, per colpa mia è vero,
    ma ti assicuro che sei parte di me e vivi nelle mie giornate
    come il sole.
    Spero che hai passato una serena S. Pasqua in compagnia dei tuoi cari,
    io in serenità ma così così per un problema di salute di mia figlia.
    Ti abbraccio fortissimamente e prego il Buon Dio che ogni giorno
    ti colmi di benedizioni.
    Un bacione immenso!!
    la tua sorella stellare

    • Mia carissima Difda,
      veramente non so come ringraziarti. Tu sei sempre cosi tanto carina con me… Certamente non so se tutte queste parole le merito io.
      Tu sei proprio la mia sorella la mia anima stellare. Forse un giorno ci vediamo e ci abbracciamo.
      Prego Dio tu stia bene , tu ed i tuoi cari.

      Dio ti benedica e protegga sempre.

      Ti voglio un mare di bene

Lascia un commento