Si pensa…

fiori

 

“Si pensa, talvolta, che di draghi non ce n’è più neanche uno. E neppure di prodi cavalieri. E neppur l’ombra di una principessa che vaghi per foreste misteriose, incantando col suo sorriso cerbiatti e farfalle. Pensiamo, talvolta, che la nostra sia un’età senza più frontiere, senza più avventure. Il destino è al di là dell’orizzonte; quelle ombre che passavano al galoppo, rilucenti, si sono ormai dileguate. Che bello, sbagliarsi! Principesse e cavalieri, incantesimi e draghi, avventura e mistero… non solo son qui pure adesso, ma son tutto quel che c’è e c’è sempre stato! Nel nostro secolo, hanno mutato d’abiti, si intende. I draghi indossano uniformi, oggi, vanno in giro in assetto di guerra, in tenuta da pronto intervento. I demoni della società, stridendo, piombano su di noi se solleviamo gli occhi da terra, se ci azzardiamo a svoltare a destra laddove ci hanno ordinato di girare a sinistra. Talmente astute si son fatte le false apparenze che principesse e cavalieri possono celarsi gli uni alle altre, possano celarsi persino a sé medesimi. E tuttavia maestri di realtà vengono ancora a noi, in sogno, a dirci che non abbiamo giammai perduto lo scudo che occorre contro i draghi, che sta in noi cambiare il mondo come ci pare e piace. L’intuito non mente allorché ci bisbiglia: Non sei polvere, tu sei magia”

 

Richard Bach da “Un Ponte sull’Eternità

 

 

Si pensa…ultima modifica: 2012-06-09T15:29:00+00:00da nunziartina
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Si pensa…

  1. Ci si è illusi che ci fosse solo il vuoto
    si sono ascoltate voci inette e contrastanti
    il disincanto dell’uomo per la disillusione per l’uomo
    enunciando il qualunquismo come teorema
    assurto ad incontestabile verità…
    l’impareggiabile coscienza di sé
    relegata a dogmatismo anacronistico
    per gestire l’uomo privato di tale autostima
    riducendo la vita…
    unico tempo straordinario e imperdibile
    ad un mero tentativo di viverla.
    False ipotesi sono state perpetrate
    degenerando la conoscenza ancestrale
    ma certo… sordi a quelle voci di strane sirene
    ci faremo legare strettamente con funi
    all’albero maestro da non poterne esser liberati
    superando il tratto della superficialità
    riconoscendo noi nella definizione che ci distingue
    in un tempo oramai obsoleto
    e tornando a crederci!

    buona serata nunzia

    Uomo

    .

  2. Ciao Nunzia. Si in effetti mi è dispiaciuto tantissimo, poverella, ma che ci vuoi fare purtroppo, sono le leggi della natura e non li possiamo certo cambiare, prima o poi doveva succedere aveva una certa età, la cosa che mi è dispiaciuto anche è stato il fatto che con tanti figli che ha fatto non ne abbiamo tenuto nemmeno uno, negli ultimi anni poi era diventata anche sterile.
    Si in effetti aveva uno sguardo penetrante, sembrava che ti volesse parlare, quando la chiamavi o la salutavi ti rispondeva.

  3. Riciao. Belle parole, si in effetti sotto molti aspetti è veramnte cosi, sono mutati gli abiti ma si possono riconoscere oggi gli stessi personaggi del passato.
    Bella quella foto con i tulipani a perdita d’occhio, a gurdarla quel rosso quasi inebria.

Lascia un commento